Museo

Il castello ospita al suo interno un percorso museale che attraversa l’intera struttura dell’edificio dalle prigioni alle torri panoramiche.

La visita guidata, di circa un’ora, consente di approfondire gli aspetti relativi all’architettura e alla storia del castello e dalla famiglia Malaspina.

Di particolare interesse i saloni dipinti da Gaetano Bianchi, la stanza di Dante Alighieri, le collezioni di monete, ceramiche, armi, attrezzi di uso quotidiano e strumenti di tortura. Per i più curiosi, inoltre, è prevista nel giro anche la sosta alla leggendaria stanza del fantasma.

Collezione di arte contemporanea: nel periodo estivo è possibile percorrere il castello alla ricerca di lavori di arte contemporanea lasciati dagli artisti invitati in Residenza.

Lo spazio museale è stato pensato in modo tale da offrire agli spettatori un percorso interdisciplinare piacevolmente fruibile da tutte le fasce d’età. Su prenotazione, inoltre, è possibile organizzare i laboratori per le scuole oppure  visite gestite da storici e archeologi medievisti.

I Malaspina

Il primo a chiamarsi Malaspina fu Alberto, discendente diretto di Oberto, capostipite della nobile ed illustre famiglia degli Obertenghi (945 d.C.). Sull’origine di questo nome si sprecano teorie e leggende. Una di queste, illustrata in un dipinto conservato in una sala del castello, ne fa risalire l’origine all’anno 540 d.C. quando il giovane nobile Accino Marzio vendicò la morte del padre sorprendendo il re dei Franchi Teodoboerto nel sonno e trafiggendolo alla gola con una spina. Il grido disperato del re “Ah ! mala spina !” dette origine al cognome e, in seguito, al motto di famiglia “Sum mala spina bonis, sum bona spina malis”.

Nel 1221 la famiglia Malaspina si divide in due rami, i Malaspina dello Spino Secco ed i Malaspina dello Spino Fiorito. Questi ultimi prenderanno possesso, fra gli altri, del feudo di Fosdinovo e del suo castello dove, nel 1306, sarà ospitato Dante Alighieri, grande amico dei Malaspina. Ancora oggi il castello è di proprietà della famiglia Malaspina.

 

Visite

Il museo è aperto al pubblico per visite guidate, su prenotazione è possibile visitarlo in gruppi anche al di fuori degli orari previsti.

Si organizzano visite guidate in lingua (francese e inglese), rievocazioni medievali nonché letture dantesche.

Ogni venerdì alle 22.00 è possibile prenotare visita in notturna a lume di candela alla ricerca del fantasma. 

Le giornate al castello per i gruppi possono essere accompagnate da pranzi, cene o merende predisponendo per i più piccoli laboratori medievali con animatori in costume.

 

Orario

Il museo è aperto nei giorni e negli orari indicati per visite guidate.

Orario estivo (01 maggio – 30 settembre)
tutti i giorni esclusi i martedì non festivi: 11.00 - 12.00 - 16.00 - 17.00 - 18.00

Orario invernale (1 ottobre – 30 aprile)
sabato 15.00 - 16.00 - 17.00
domenica e festivi 11.00 - 12.00 - 15.00 - 16.00 - 17.00

Visite in notturna su prenotazione.

 

Costo del biglietto

Adulti: 8.00 euro - Bambini: 5.00 euro

 

Biglietteria

Via Papiriana, 2 - 54035 Massa-Carrara

telefono: +39 0187/68891 mail: info@castellodifosdinovo.it

 

LABORATORI E ATTIVITÀ PER LE SCUOLE.